inDice
Ho un retrobottega dove ho ammucchiato tutta la segatura che ho prodotto, una specie di dizionario del silenzio perché la segatura è silenzio, quasi neve di ciò che non è detto ma sempre comunicato.La segatura, che ha il suo linguaggio (di pino, d’acero, d’abete…). 
Quando taglio un tronco il suo taciuto cade a terra come trucioli (e, di notte, a me e alla sega dolgono i denti);
mimmo grasso
manonotextchiodo fissopuntopunto verdeCamaldolianeliti
archiloversarchitizerflickrfaceBooktwitteryouTubepinterest